Afide del melo (Aphis pomi)

Identificazione e danno
È un afide di piccole dimensioni (tra i 2-3mm) di colore verde intenso,che forma velocemente delle colonie sui germogli e nella pagina inferiore delle foglie più giovani. L’azione di nutrizione di questi insetti determina un leggero accartocciamento delle foglie e un disturbo nell’accrescimento dei germogli, che nel caso di forte infestazione possono anche malformarsi. Come tutti gli afidi, la produzione di melata(escrementi densi e zuccherini) provoca l’imbrattamento della vegetazione sottostante e favorisce lo sviluppo delle cosiddette fumaggini (muffe di funghi saprofiti) che rovinano esteticamente i frutti e riducono la fotosintesi fogliare.
Ciclo biologico
Questo afide supera l’inverno come uovo durevole deposto sui rami più giovani. Dalla schiusura di questo uovo in primavera fuoriescono le Fondatrici partenogenetiche che danno luogo fino a 20 generazioni svolte tutte sul melo, essendo A. pomispecie monoica. Con l’arrivo dell’autunno compaiono le forme sessupare, le quali a loro volta originano gli anfigonici. Dagli anfigonici tramite la riproduzione sessuale vengono generate le uova durevoli le quali sono destinate a svernare per iniziare un nuovo ciclo nella stagione successiva.
Lotta
Generalmente l’Afide verde è molto meno dannoso rispetto all’afide grigio (Dysaphisplantaginea), per cui i trattamenti insetticidi sono giustificati solo in caso di forti infestazioni. I principi attivi da utilizzare sono il piretro, l’azadiractina e anche se mono efficacie si può utilizzare l’olio minerale, sia durante l’infestazione in corso che durante la fase del bruno (caduta foglie) per ridurre il numero di uova svernanti. Non meno importante è il contenimento di questo insetto attraverso i nemici naturali, sia introdotti artificialmente che non. Tra questi ricordiamo la coccinelle Adalia bipunctata, il crisopideChrysopa carnea, il dittero cecidomideAphidoletesaphidimyza e i sirfidi.
I trattamenti contro l’afide grigio generalmente controllano le popolazioni di A. pomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *