Drosophila suzukii (moscerino dei piccoli frutti)

La Drosophila suzukii, chiamato anche moscerino dei piccoli frutti è un insetto che attacca moltissime specie tra cui vite, fragola, mirtillo, lampone, ciliegie ecc. molto difficile da debellare. In questo articolo vedremo ciclo biologico, danni, difesa fitosanitaria e l’uso delle trappole.

La Drosophila suzukii è originaria del sud-est asiatico ed è ampiamente distribuita in Cina, India, Corea, Myanmar, Russia e Tailandia. In Europa, questa specie è anche ampiamente distribuita in Francia, Italia e Spagna. Gli adulti della drosofila suzukii sono piccoli moscerini giallo-marrone (3-4 mm) con gli occhi rossi. Gli adulti hanno un torace marrone chiaro o marrone giallastro con bande nere sull’addome (vedi foto 1). Le antenne sono corte e tozze. I maschi hanno una macchia scura distintiva lungo il bordo anteriore di ogni ala. Inoltre, i maschi hanno due file di pettini su ciascun tarso anteriore che sono assenti nelle femmine. Le femmine hanno un ovopositore seghettato con cui penetrano la buccia del frutto. Le dentellature sono molto più scure rispetto al resto dell’ovopositore (elemento visibile solo al microscopio).

Foto 1: Femmine di Drosophila suzukii

Le uova sono traslucide, bianco latte e lucide (vedi foto 2) Le uova si sviluppano e si schiudono all’interno del frutto in cui vengono deposte. Le larve sono di colore bianco latte e cilindriche. Le larve di primo stadio sono lunghe circa 0,07 mm. Gli organi interni delle larve sono visibili dopo che ha consumato un pò di frutta. Lo sviluppo larvale si verifica all’interno del frutto e si sviluppa attraverso tre stadi prima della trasformazione in pupa. Le larve mature possono crescere fino a 4-5 mm di lunghezza. Drosophila suzukii preferisce un clima moderato ma può sopravvivere anche in condizioni di freddo. Queste sono più attive a 20 ° C. L’attività si riduce a temperature superiori a 30 ° C o inferiori allo zero. Gli adulti sono in grado di sopportare periodi più lunghi in condizioni fredde rispetto alle larve o alle pupe. In generale, il genere Drosphila spp. è molto sensibile all’umidità relativa bassa, fattore limitante per la diffusione di questa specie.

Foto 2: Particolare di una femmina di Drosophila suzukii in fase di espulsione di un uovo

Ciclo biologico della Drosophila suzukii

La riproduzione in Drosophila suzukii è rapida. Il ciclo biologico totale può essere completato entro una o due settimane a seconda delle condizioni climatiche. La durata della vita adulta è di circa 3-9 settimane. Tuttavia, gli esemplari che emergono verso la fine della stagione svernano e possono vivere più a lungo. Le fasi uovo, larva e pupa durano rispettivamente 1–3, 3–13 e 4–5 giorni. I modelli dei gradi-giorno sul moscerino dei piccoli frutti suggeriscono che l’intero ciclo di vita (da uovo a femmina fertile) può essere completato entro 12-15 giorni a 18,3 ° C o poco più di una settimana a 21,1 °C. Una sola femmina può deporre da una a 60 uova al giorno e 200-600 uova nella sua vita. Una femmina depone circa 1-3 uova per sito di ovideposizione. Le uova vengono deposte singolarmente e distribuite casualmente sulla frutta. Più femmine possono ovideporre sullo stesso frutto.

Il moscerino dei piccoli frutti è noto per ovideporre in frutti sani (interi) rispetto a frutti che sono danneggiati o troppo maturi. Due caratteristiche uniche di Drosophila suzukii lo rendono un parassita particolarmente pericoloso: la sua propensione a favorire il frutto in via di maturazione (anzichè, come altre drosofile che preferiscono frutti maturi) e l’ovipositore dentellato prominente della femmina, che al momento dell’inserimento può causare danni fisici al frutto. Molto spesso le ferite da ovideposizione forniscono accesso a infezioni secondarie da parte di insetti e agenti patogeni tra cui funghi, lieviti e batteri che causano ulteriori perdite. C’è spesso un’area affondata nel sito di deposizione delle uova e la frutta danneggiata può sembrare collassare a causa del danno interno e delle rotture nella polpa. I frutti che possono apparire sani al momento del raccolto possono mostrare segni di infestazione entro 1-2 giorni. Piccole larve possono inoltre essere osservate nei frutti o strisciare fuori dai contenitori del raccolto.

Difesa e monitoraggio con trappole della Drosophila suzukii

Il monitoraggio dei parassiti è da decenni la base dei programmi di lotta integrata. Tuttavia, le trappole per la Drosophila suzukii non sono buone predittori delle dimensioni della popolazione né le catture nelle trappole si verificano necessariamente prima dell’infestazione di frutti. Pertanto, le trappole sono utili per determinare se la Drosophila suzukii è presente in azienda, ma in questo momento, i trattamenti dovrebbero essere programmati già da quando la frutta inizia a colorare (invaiatura) piuttosto che in risposta alle catture di trappole.

Le trappole vengono posizionate in una parte ben riparata e con vegetazione abbondante (anche spontanea) poiché la femmina del moscerino dei piccoli frutti preferisce riposare durante il giorno in luoghi bui e densi. La trappola è composta da un contenitore da gastronomia trasparente con circa 100 ml di soluzione di esca a base di aceto di mele. Le trappole devono essere controllate settimanalmente e la soluzione esca viene cambiata settimanalmente. Assicursi di smaltire la soluzione esca al di fuori della piantagione. Le trappole possono essere innescate anche con lievito e zucchero. Queste esche hanno dimostrato di catturare la Drosophila suzukii 1 o 2 settimane prima del solo aceto di mele. Le esche di lievito e zucchero sono prodotte combinando 2 cucchiai di lievito e 5 cucchiai di zucchero e un litro di acqua. Queste esche attireranno un gran numero di specie di moscerini e diverse specie di mosca della frutta non importanti. È fondamentale quindi identificare accuratamente i campioni raccolti con una potente lente manuale o un microscopio. Ad ogni modo in commercio esistono trappole già pronte all’uso, queste se poste in elevato numero aiutano a diminuire il numero degli esemplari in campo, attuando quella che è chiamata lotta massale (vedi foto 3).

Foto 3: Esempio di trappola pronta all’uso per la Drosophila suzukii

I trattamenti contro il moscerino dei piccoli frutti dovrebbero iniziare una settimana prima dell’inizio della raccolta con colture altamente sensibili, gli insetticidi disponibili per la difesa in l’agricoltura biologica sono lo spinosad e il piretro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *