Phytoseiulus persimilis (predatore di ragnetto rosso)

Il Phytoseiulus persimilis è un predatore di ragnetto rosso estremamente efficace tanto da essere utilizzato oltre che in lotta biologica anche in quella convenzionale. Ciclo biologico ed uso di questo acaro predatore.

 

Ciclo di vita

Phytoseiulus persimilis è un acaro predatore ed è uno dei più validi strumenti di controllo nei confronti degli acari fitopatogeni del genere Tetranychus. E’ possibile rinvenire esemplari di Phytoseiulus persimilis in quasi ogni infestazione di acari fitopatogeni del suddetto genere. Una attenta analisi della presenza del predatore passa dall’identificazione delle sue uova attraverso l’ausilio di uno strereomicroscopio. Queste sono di forma ovale e più grandi di quelle degli acari fitopatogeni di cui si nutre. Inoltre, temperatura e umidità sono due fattori chiave nel determinare una esponenziale crescita per questo predatore. Benché questo acaro riesca a crescere anche a temperature intorno ai 15 °C, a tali temperature il ciclo pre-immaginale dura 25 giorni, mentre a temperature intorno ai 30 °C questo avviene in 5 giorni. Fino a quando le temperature restano sotto ai 30 °C il Phytoseiulus persimilis cresce più rapidamente dei fitopatogeni, ma con umidità relativa sotto il 60% le uova del predatore possono danneggiarsi per eccessivo disseccamento. Gli adulti di Phytoseiulus persimilis attaccano tutti gli stadi di crescita del ragnetto ma le ninfe del predatore si alimentano generalmente degli adulti di ragnetto rosso. Questo acaro predatore è estremamente mobile e molto più veloce degli adulti del ragnetto rosso, una caratteristica appunto da predatore.

Utilizzo

Una attenta gestione degli inoculi passa dal determinare il grado di naturale presenza di questo predatore nelle infestazioni di ragnetto rosso quando le temperature sono più favorevoli alla sua crescita rispetto a quella del fitofago cioè tra i 20 e i 30 °C. Di conseguenza si interverrà con i lanci quando si è tra questa soglia di temperatura, lanciando tra i 15 e i 20 predatori al m². Con temperature inferiori e con la naturale presenza del Phytoseiulus persimilis tra le colonie del fitofago il numero di individui da inoculare al m² può essere più bassa. Nel caso si presentino condizioni siccitose durante la coltivazione si renderà necessario intervenire con altri lanci. In ambiente protetto per evitare abbassamenti pericolosi di umidità relativa si possono effettuare delle nebulizzazioni controllate di acqua. Il Phytoseiulus persimilis è facilmente reperibile in Italia e prodotto da diverse biofabbriche. E’ utilizzato con successo oltre che in lotta biologica anche in quella convenzionale poiché questo acaro predatore ha dimostrato grande capacita di controllo delle infestazioni di ragnetto rosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *