Sapone molle di potassio o di Marsiglia come utilizzarlo correttamente in agricoltura come insetticida. Caratteristiche e usi del sapone potassico

In questa scheda tecnica vedremo le caratteristiche e tutti gli usi consentiti del sapone molle di potassio. Analizzeremo in modo scientifico il meccanismo d’azione come insetticida e tutti gli altri usi possibili in agricoltura del sapone potassico o di Marsiglia

E’ veramente importate per qualsiasi agricoltore, nonché per gli appassionati di giardinaggio sapere come utilizzare correttamente il sapone molle di potassio. Purtroppo dovuto ad internet, su questo prodotto circolano miti e leggende che stravolgono l’idea di questo prodotto egli attribuiscono una serie infinita di benefici che non ha. Prima premessa, il sapone molle di potassio è un’ottimo prodotto da utilizzare in agricoltura, ma ha dei limiti di utilizzo che andremo ad evidenziare più avanti nel testo. Detto questo passiamo alla descrizione del prodotto. Il sapone molle di potassio viene anche denominato come sapone potassico o di Marsiglia. Dal punto di vista chimico è il sale di sodio o di potassio di un acido carbossilico alifatico a lunga catena. Tale processo è definito saponificazione, che attraverso l’idrolisi alcalina, in quanto vengono utilizzati come reagenti idrossido di sodio o di potassio, permette di ottenere il sapone (sale carbossilico) e glicerina. Si possono utilizzare una vasta gamma di oli e grassi animali per il processo di saponificazione, ma per un prodotto di qualità in agricoltura vengono preferiti saponi ottenuti da acidi grassi a catena lunga in quanto non fitotossici rispetto a quelli a catena corta. Dal punto di vista legislativo il sapone molle di potassio è regolato dall’allegato 1 del D.M. 18354/09 che lo classifica come corroborante (vedi qui cosa sono) e ne impone l’uso come tal quale. Quindi seguendo la legislazione che regola i corroboranti, questo prodotto non può essere venduto con nomi di fantasia, ma le etichette commerciali dei prodotti devo riportare semplicemente la dicitura di “sapone molle o/e di Marsiglia”. Sempre per lo stesso motivo le aziende produttrici non possono definirlo liberamente come insetticida o acaricida (anche se ha tali funzioni), ma si limitano nelle descrizioni a definirlo come potenziatore delle difese della pianta o miglioratore della resistenza delle piante.

Il meccanismo d’azione del sapone molle di potassio e i suoi usi in agricoltura come insetticida e acaricida

Il sapone molle di potassio o sapone potassico è utilizzato in agricoltura principalmente per le sua azione insetticida e acaricida nei confronti degli insetti di piccole dimensione e le uova degli insetti nocivi. Il meccanismo d’azione del sapone molle di potassio si esplica in diversi modi:

  • Citolisi, il sapone penetra all’interno delle trachea dell’insetto e determina la disgregazione delle membrane cellulari, portando a morte l’insetto.
  • Azione disgregativa, il sapone scioglie gli strati di cera sul tegumento degli insetti, aumentando così la disidratazione e portandoli a morte.
  • Azione per soffocamento, il sapone penetra nelle trachee dell’insetto occludendole e portandolo quindi a morte per asfissia.
  • Interferente, il sapone può interferire negativamente con gli ormoni della crescita o con il metabolismo dell’insetto. Tale azione insetticida è lenta e non sempre genera la morte dell’insetto.

Il sapone molle di potassio ha un’ottima azione acaricida su tutte le forme mobili degli acari tetranichidi come il ragnetto rosso (vedi qui), comprese le uova, che, contro gli acari eriofidi come l’Aculops lycopersici. Sugli insetti l’azione insetticida è svolta esclusivamente sugli insetti di piccole dimensioni come la mosca bianca delle serre (vedi qui). Sugli insetti di grandi dimensioni o con apparato boccale succhiante come cimici o cicaline non ha alcun effetto se non sulle uova. Sugli afidi ha un’ottima azione ad esclusione di quelli che crescono all’interno delle deformazioni delle foglie, come l’afide grigio del melo (vedi qui) o l’afide sigaraio del pesco. Il sapone molle di potassio non avendo attività sistemica nè traslaminare non è in grado di colpire questi insetti. Sugli insetti con apparato boccale masticatore come piccoli lepidotteri o larve di coleotteri ha anche un effetto repellente.

Quindi come puro prodotto di contatto il sapone potassico uccide quello che tocca direttamente. Detto ciò l’uso corretto di questo insetticida naturale prevede l’uso di elevati volumi di acqua durante i trattamenti, avendo cura che tutte le parti della pianta vengano raggiunte, specialmente l’interno della chioma e la pagina inferiore delle foglie. Il sapone molle di potassio trova utilizzo come adesivante e bagnate utile a migliorare le prestazioni dei trattamenti fitosanitari, come migliorare la persistenza del piretro (vedi qui) quando miscelato con esso o dello zolfo (vedi qui). Inoltre va ricordato che come detergente il sapone molle di potassio è utile per rimuovere la fumaggine e la melata dalle piante. L’uso del sapone molle di potassio può avere effetti negativi sull’entomofauna utile. Larve di coccinella, di sirfide, di neurotteri e acari predatori possono essere uccisi da questo insetticida naturale. Va quindi posta attenzione ad eventuali lanci di questi insetti utili e soprattutto il sapone potassico va utilizzato in assenza di questi insetti.

In commercio si trovano in vendita prodotti professionali pronti al’uso con dosi che oscillano dai 400 agli 800 ml per 100 litri di acqua, ma dipende dal prodotto commerciale. Per i non professionisti si può utilizzare il sapone di Marsiglia che va ridotto in scaglie e fatto sciogliere in acqua fino ad ottenere una colorazione bianca della soluzione (circa 10 grammi litro). In agricoltura tale prodotto si distribuisce con l’atomizzatore o la barra, mentre per l’hobbistica si può utilizzare la pompa a spalla o un nebulizzatore a mano. Vanno evitati i trattamenti nelle ore più calde e con piante in fioritura. Essendo il sapone molle di potassio a reazione alcalina, vanno evitate tutte le miscele di prodotti sensibili all’alcalinità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *